Svela la bellezza di Salonicco

Salonicco coniuga perfettamente il fascino e l’atmosfera amichevole di una piccola città con l’energia e la cultura cosmopolita di una grande metropoli. Questa è una destinazione emozionante dove poter arrivare a vivere la Grecia in tutta la sua autenticità senza dover affrontare il traffico e la folla di Atene. 

La seconda città più grande della Grecia, Salonicco, risale al 315 a.C.. Capitale della Macedonia centrale, ha formato una vasta gamma di edifici iconici attraverso migliaia di anni con origini paleocristiane, bizantine, greche antiche, romane, ebraiche sefardita e ottomane.

La città è un popolare centro vibrante di cultura e festival e vanta anche una delle scene di vita notturna più fantasiose del paese. Qualsiasi visitatore della zona che ami le religioni del mondo, l’archeologia e la storia non rimarrebbe mai a corto di cose da fare qui. 

Durante la vostra permanenza a Salonicco, assicuratevi di visitare alcune delle sue rinomate attrazioni turistiche. 

La Torre Bianca

Nessuna visita alla città sarà completa se non potrete vedere con i vostri occhi il suo monumento più iconico, nientemeno che la Torre Bianca. 

Considerata il punto di riferimento ufficiale della città, la Torre Bianca è senza dubbio uno dei luoghi migliori da visitare in zona. 

La Torre Bianca, Salonicco
La Torre Bianca, Salonicco

Questa torre fu costruita nel 1535 e in origine era circondata da possenti mura, perché serviva come prigione quando gli ottomani occupavano la Grecia. Molti prigionieri vi furono giustiziati e torturati, guadagnandosi il soprannome di Torre Rossa o Torre del Sangue.. 

Fu nel 1890 che gli fu dato ufficialmente il nuovo nome di Torre Bianca, dopo che un prigioniero la ridipinse completamente di bianco per ottenere in cambio la sua libertà. 

Quando visitate la Torre Bianca, assicuratevi di andare al suo ultimo piano dove potrete ammirare la città in una splendida vista a 360 gradi, il mare, e anche la più alta cima della Grecia, il Monte Olimpo. 

Chiesa di San Giorgio o Rotonda Romana 

La Rotonda romana è il più magnifico monumento antico di Salonicco. Fondato all’inizio del IV secolo, questo doveva essere probabilmente il mausoleo dell’imperatore Galerio, anche se ciò non fù. Faceva anche parte di un complesso che comprendeva l’Arco di Galerio e il Palazzo di Galerio. 

Chiesa di San Giorgio, Salonicco
Chiesa di San Giorgio

Il grandioso santuario non manca mai di lasciare un’impressione mozzafiato. Con un’altezza di 30 metri e un diametro di oltre 24 metri, la Rotonda ha un’architettura a cupola cilindrica come quella del Pantheon di Roma. Splendidi mosaici si trovano all’interno a decorare le nicchie a volta e la cupola.

Il mosaico al centro della cupola è già mancante, eppure ci sono affascinanti facciate architettoniche e figure di angeli con sotto uno sfondo dorato. La Rotonda funge da sede del Museo di Scultura ed è aperta tutti i giorni per chi vuole visitare. 

Chiesa di Agios Dimitrios

Questa imponente chiesa colossale è stata eretta sul luogo di un antico bagno romano. Secondo le leggende, il bagno era il luogo in cui San Demetrio, l’omonimo della chiesa, fu imprigionato, fatto cadere in un pozzo e giustiziato dai soldati romani.

YouTube video
Video: Chiesa di Agios Dimitrios, Salonicco

La basilica è composta in totale da 5 navate con la singolare navata esagonale chiamata ciborio. Ciò che è particolarmente interessante qui è il famoso murale a 6 pannelli che è tra i più bei mosaici di Salonicco e che raffigura Santa Maria. Demetrio con i bambini e i costruttori della chiesa. Oltre ad essere una delle chiese più grandi della città, è anche considerata tra i più importanti luoghi di culto di tutta Salonicco per quanto riguarda la storia e la religione.. 

Arco di Galerio 

Passeggiando da via Egnazia verso il centro della città si può ammirare l’Arco di Galerio, un antico monumento romano che risale al 297 d.C. circa.  L’arco era la porta d’ingresso principale della città antica. Sul lato ovest sono rimasti solo tre moli della struttura originale. Due di questi moli superstiti, con un arco che li collega, presentano una facciata in marmo e ornata da intricati rilievi. 

Le ghirlande separano i rilievi che raffigurano le scene di battaglia dalle campagne persiane, armene e mesopotamiche dell’imperatore Galerio nel III e IV secolo. Questi rilievi scolpiti in modo elaborato sono tra i più belli del loro genere. Fate attenzione alle scene animate che si trovano sul molo sud. Nonostante il cattivo tempo, questi rilievi sono ancora meglio conservati rispetto ai rilievi moderni dell’Arco di Costantino di Roma che risalgono al 315 d.C.. 

Piazza Aristotele

Ernest Hebrard, un architetto francese, progettò la piazza principale della città nel 1918, anche se gran parte della piazza oggi, in particolare il cinema e l’Hotel Electra sono stati rifatti durante gli anni ’50. Si trattava di un passaggio dalle strade affollate, non pianificate e strette, provenienti dai secoli di costruzione dell’Impero Ottomano, a un piano più contemporaneo sotto la guida di Ebrardo. La piazza fu ufficialmente completata subito dopo l’incendio del 1917, segnando un significativo cambiamento nell’evoluzione archeologica della città. Ad oggi, la piazza è la sede di numerosi incontri e festeggiamenti pubblici. 

Ladadika

Il quartiere storico di Ladadika si trova sul retro del porto dei traghetti, a pochi passi da Piazza Aristotele. Qui si trovano case colorate, magazzini e officine che punteggiano le strade acciottolate con i tavoli dei ristoranti.

Tra le migliori attrazioni da visitare in città, Ladadika era in origine un frenetico quartiere mercantile dove si stabilirono la maggior parte degli ebrei sefarditi della città. Il nome del luogo in realtà proveniva dai negozi che vi vendevano olio d’oliva e prodotti a base di olio d’oliva. 

Quando sono avvenute le guerre del XX secolo, il quartiere si è trasformato in un quartiere a luci rosse cosmopolita affollato da spie e con clienti e imprese provenienti da diverse parti del mondo.  

E’ stato negli anni ’90 e 2000 che l’architettura del periodo di guerra del quartiere, dopo diversi anni di declino, è stata restaurata. 

Ladadika è diventata ancora una volta una delle principali destinazioni della vita notturna con un’eccedenza di bar, vari ristoranti internazionali, ristoranti greci e taverne ouzeri. 

Non perdetevi nessuna di queste attrazioni di Salonicco e passateci la migliore vacanza della vostra vita!

Articoli nella stessa categoria:

Torna su